Recentemente è stata approvata dal governo la legge italiana sull’Intelligenza Artificiale. La norma mira a promuovere lo sviluppo della tecnologia che cambierà radicalmente il panorama nazionale, rendendola “antropocentrica” per evitare rischi attuali e futuri, è previsto un rafforzamento delle pene per i reati legati all’uso scorretto di sistemi IA, con l’introduzione nel Codice Penale del reato di “illecita diffusione di contenuti generati o manipolati con IA”, punibile fino a cinque anni di reclusione. Le aziende beneficeranno di ambienti sperimentali per testare sistemi IA conformi alle normative. Il miliardo destinato alla “via italiana all’IA”, precedentemente annunciato dalla premier Meloni, sarà assegnato all’Intelligenza Artificiale attraverso il fondo nazionale per il venture capital. Questo finanziamento, gestito dal ramo di Cassa Depositi e Prestiti dedicato agli investimenti in startup e PMI innovative, potrebbe raggiungere i 3 miliardi con il coinvolgimento di capitali privati, avvicinando l’Italia agli altri leader europei nel settore. Inoltre, si prevede la creazione di almeno un “campione nazionale” dei grandi modelli linguistici per competere a livello internazionale.

Mercoledì, 24 aprile 2024 – La Repubblica

Share post with: