Le piccole e medie imprese a responsabilità limitata (Srl-Pmi) possono ora dematerializzare le loro quote grazie alla recente approvazione della legge n. 21/2024, in vigore dal 27 marzo 2024. Questo nuovo quadro normativo consente di trattare le quote delle Srl-Pmi in modo simile alle azioni delle società per azioni quotate, standardizzandole in termini di valore e diritti. Tuttavia, è importante notare che le Srl di dimensioni più grandi rimangono escluse da questa possibilità.

Le Srl-Pmi possono trarre vantaggio da diverse opportunità offerte dalla legge, tra cui la suddivisione del capitale in quote con diritti differenziati, operazioni di incentivazione attraverso piani di partecipazione e la possibilità di raccogliere capitali tramite il meccanismo dell’equity crowdfunding.

La dematerializzazione delle quote, sebbene sia applicabile solo a quote standardizzate, semplifica notevolmente la gestione e il trasferimento delle stesse.

Questo processo riduce la necessità di utilizzare il tradizionale libro soci per registrare i trasferimenti, apportando un’innovazione significativa nel modo in cui le Srl-Pmi gestiscono le loro quote.

Fonte: Il Sole 24 Ore, 25 marzo 2024

Share post with: