Si apre il dibattito sull’interpretazione dell’Agenzia delle Entrate riguardo al nuovo requisito per gli immobili che possono beneficiare del credito d’imposta ZES. La normativa delle ZES offre benefici fiscali e amministrativi per promuovere lo sviluppo economico in determinate aree geografiche, consentendo alle imprese di operare in condizioni agevolate.

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta ad Interpello n.310 del 3 maggio 2023, ha sollevato questioni sulla necessità che gli immobili debbano essere “nuovi” per accedere al beneficio. Tuttavia, ciò sembra contrastare con l’intento legislativo di incentivare investimenti anche in immobili esistenti o dismessi, per promuovere lo sviluppo economico nelle ZES.

Fiscal Focus 14 marzo 2024

Share post with: